Verso la fine degli anni '50, il marchio Morris, una filiale della British Motor Corporation, ha creato il modello per eccellenza urbana: mini. L'idea era quella di proporre al pubblico britannico un modello di consumo a prezzi accessibili e frugale. Alla fine, la Mini è diventato un oggetto di moda, un'icona della cultura pop e sport motoristici. E mentre BMW mantiene viva la fiamma con la corrente MINI, il modello originale ha ancora molti seguaci.

tanti David Brown Automotive Si lancerà una serie limitata di Minis 'restomod' nome mini Remastered. Dai, che l'originale Mini strade secondarie aggiornati a 17 anni dopo la cessazione della produzione.

Dopo Speedback GT, una rievocazione della Aston Martin DB5 effettuata sulla base di una Jaguar XK, il creatore di Silverstone (che non ha nulla a che fare con Sir David Brown, che era proprietario di Aston Martin Lagonda tra il 1947 e il 1972), si rivolge la moda del 'restomod'. Come cantante o icona Motors, David Brown Automotive è impegnata in un telaio e un corpo originale per creare un modello attuale, che conserva l'aura di auto d'epoca, ma con tutti i comfort di una vettura moderna.

Per motivi legali, parte David Brown Automotive di usato di mini (anche se ci sono enti completi sul mercato della nuova Mini, prodotto da British Motor Heritage). Il telaio e il corpo sono ripuliti (smaltimento di eventuale ruggine, nuove saldature, etc.) e ricevono rinforzo strategiche (montanti e traversi, in fondo) per migliorare la rigidità. Peso aumenta solo circa 40 kg. Il corpo ha anche ora con materiale fonoassorbente.

Esteriormente, la Mini rimasterizzato presenta una nuova griglia di alluminio il cui design ricorda la Mini Super Deluxe nella prima metà degli anni '60, pinne passaruota colore del corpo e soprattutto i fari correnti (che migliorano la visibilità per originale) e nuovi gruppi ottici posteriori con tecnologia LED. Naturalmente, i paraurti cromati, specchi e tipo obice lega Minilite 12 pollici fanno parte della dotazione di serie.

L'interno è completamente nuovo, ma mantiene nelle sue linee generali del disegno del modello originale. A bordo, la Mini Remastered è molto più lussuosa rispetto alle creazioni più esclusive di Legno e Pickett, compresi gli anni '60 Mini Margrave.

Diversi tipi di cuoio, volante in alluminio e alluminio-legno è un'opera d'arte in sé e touch screen 7 pollici nel centro di controllo sistema di infotainment con Android Auto e Apple carplay. Le bocche del clima che sembrano provenire da una Mercedes-Benz al presente e il pulsante di avvio sul tunnel centrale accanto ad un portabicchiere non sono molto fedeli all'originale. Chi se ne frega di vedere il risultato.

Meccanico rimane la fonte: un 4 cilindri 1.275 cc, ma potenziato con 79 CV 91 Nm (una volta elaborato 63 CV) associato ad un cambio a 4 velocità manuale. In opzione, è possibile chiedere al motore 1.300 cc e 100 CV, che ha anche uno scarico sportivo con coda doppia. Sterzo e sospensioni sono stati aggiornati e freni.

Il Mini Remastered David Brown Automotive è già oggi disponibile in due serie limitate Café Racer 25 unità ciascuno (uno rosso e uno color crema che vediamo in questo articolo). Tra il prezzo di base di 50.000 sterline (circa 60.000 euro) e migliaia di ore di lavoro necessarie per la fabbricazione di ciascuna unità, Stima hanno prodotto fino a 100 unità.

In Motorpasión | Speedback GT 2017: un moderno sport ma molto look retrò per il Salone di Ginevra